Martedì, 09 Aprile 2024 09:08

Risarcimento danni per diffamazione a mezzo della stampa

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(4 Voti)

La Suprema Corte di Cassazione, con la Ordinanza n. 4955 del 23/02/2024, ha statuito che, in tema di azione di risarcimento dei danni da diffamazione a mezzo della stampa, non può pretendersi che l'opinione sia assolutamente obiettiva, potendo essere la stessa esternata anche con l'uso di un linguaggio colorito e pungente, purché non leda l'integrità morale del soggetto.

La Cassazione, con la Ordinanza n. 4955 del 23/02/2024, è intervenuta sulla pungente questione relativa alla diffamazione a mezzo della stampa.

Il diritto di critica consiste nell’espressione di un giudizio o di un'opinione che, come tale, non può essere rigorosamente obiettiva.

Cronaca e critica sono attività contigue nella realtà, ma intrinsecamente e funzionalmente diverse. Entrambe concernono gli accadimenti di pubblico interesse ed i soggetti che vi sono coinvolti, ma mentre la cronaca è esposizione dei fatti ed il suo scopo è informare il lettore, per cui deve essere fondata sulla più scrupolosa obiettività, la critica consiste invece in un’attività eminentemente valutativa, in un dissenso, o in consenso, per lo più ragionato rispetto alle opinioni o alle condotte altrui, e, sotto il profilo intrinseco, si configura come un’analisi di eventi, condotte, fenomeni, allo scopo di apprezzarne l’intimo significato e le conseguenze che siano a questi causalmente riconducibili.

Sottile è, inoltre, il confine tra il diritto di cronaca e la diffamazione, spesso pure controverso.

Il diritto di cronaca trova il proprio fondamento nell’art. 21 Cost. che sancisce il diritto di manifestare il proprio pensiero.

Ai sensi dell’art. 595 c.p., la diffamazione consiste negli atti con cui l'agente comunichi, ad almeno due persone, l'offesa alla reputazione di un terzo.

Tale comportamento può essere realizzato con qualsiasi mezzo e in qualunque modo, purché risulti idoneo a comunicare l'offesa alla reputazione altrui.

Al riguardo, molteplici sono le controversie portate nelle aule giudiziarie, in particolare, per quanto concerne l’esposizione e la narrazione di fatti non veritieri ed ottenerne, così, il risarcimento.

La Suprema Corte di Cassazione, di recente, è tornata sul relativo tema cassando la sentenza impugnata che, sulla erronea premessa che il canone della verità si atteggia nella stessa maniera nell'ambito della cronaca e della critica, aveva affermato la natura diffamatoria, determinata dall'accostamento e accorpamento di notizie (anche vere), di un articolo di stampa nel quale i giornalisti riportavano contestualmente, così ponendole in connessione tra loro, la notizia delle irregolarità nello svolgimento di un concorso da ricercatore e quella degli appalti universitari "d'oro" presso la medesima università, circostanza fatte oggetto di una inchiesta penale e di indiscutibile interesse pubblico.

La S.C. con la Ordinanza n. 4955 del 23/02/2024, pertanto, ha così enunciato il seguente principio di diritto: “In tema di azione di risarcimento dei danni da diffamazione a mezzo della stampa, il canone della verità si atteggia diversamente in ipotesi di esercizio del diritto di cronaca, per il quale è richiesta la continenza dei fatti narrati tanto in senso formale quanto in senso sostanziale, e di esercizio del diritto di critica, il quale non si concreta nella mera narrazione dei fatti, ma nell'espressione di un giudizio (necessariamente soggettivo) rispetto ai fatti stessi; perciò, non può pretendersi che l'opinione sia assolutamente obiettiva, potendo essere la stessa esternata anche con l'uso di un linguaggio colorito e pungente, purché non leda l'integrità morale del soggetto”.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che in tema di risarcimento danni da diffamazione in tema di responsabilità civile per diffamazione, non può pretendersi che l'opinione sia assolutamente obiettiva, potendo essere la stessa esternata anche con l'uso di un linguaggio colorito e pungente, purché non leda l'integrità morale del soggetto.

Avv. Giulio Costanzo
Letto 138 volte Ultima modifica il Martedì, 16 Aprile 2024 15:54

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Principio di buona fede e correttezza contrattuale

Principio di buona fede e correttezza contrattuale

La Suprema Corte di Cassazione, con la Sentenza Leggi tutto
Le condizioni generali del contratto: le ultime dalla Cassazione

Le condizioni generali del contratto: le ultime dalla Cassazione

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Separazione e mantenimento

Separazione e mantenimento

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Il consenso informato

Il consenso informato

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5