Risarcimento danni

Risarcimento danni (29)

La Suprema Corte di Cassazione, con la Ordinanza n. 22146 del 14/10/2020, ha statuito che non è preclusa la possibilità, in caso di vendita di beni di consumo affetti da vizio di conformità ove l'acquirente abbia inizialmente richiesto la riparazione del bene, di agire successivamente per la risoluzione del contratto quando sia scaduto il termine ritenuto congruo per la riparazione, ovvero se la eventuale riparazione abbia arrecato un notevole ...

La Suprema Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 1109 del 20/01/2020, ai fini della configurabilità del "mobbing orizzontale" addebitabile al datore di lavoro quale condotta omissiva, ha decretato che quest’ultimo debba aver avuto conoscenza dell’attività persecutoria posta in essere dai propri dipendenti ai danni di un collega nel contesto dell’ordinaria attività di lavoro.

La Cassazione, con l ...

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. 25843 del 13/11/2020, ha statuito che il familiare di una persona lesa dall'altrui condotta illecita può subire un pregiudizio non patrimoniale che può assumere il duplice aspetto della sofferenza soggettiva e del conseguito mutamento peggiorativo delle abitudini di vita, la cui prova può essere data anche mediante l'allegazione di fatti corrispondenti a nozioni di comune esperienza, e che ...

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 4004 del 18/02/2020, ha riconosciuto il diritto al risarcimento del danno ex art. 2043 c.c. da parte della Pubblica Amministrazione nel caso di incidente causato da animale selvatico

La Cassazione, con l’Ordinanza n. 4004 del 18/02/2020, è tornata sulla spinosa questione relativa la configurazione della responsabilità della Pubblica Amministrazione.

< ...

Ai fini della personalizzazione del danno morale non rileva la mera sofferenza derivante dallo sconvolgimento delle abitudini di vita del danneggiato, ricollegabili ad esempio al dolore di comune riferibilità e, quindi, non apprezzabile in una prospettiva di solidarietà relazionale; bensì rileva la lesione di interessi che assumano consistenza sul piano del disegno costituzionale della vita della persona. È necessario che il danno, di cui si chiede la personalizzazione, p ...

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 12405 del 24/06/2020, ha statuito che in caso di arricchimento senza giusta causa, quando quest’ultima sia la conseguenza di un contratto o di un altro rapporto non può dirsi che la causa manchi o sia ingiusta, almeno fino a quando il contratto o il diverso rapporto conservino rispetto alle parti e ai loro aventi causa la propria efficacia obbligatoria.

La Suprema Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 12882 del 26/06/2020, ha statuito che in tema di contratto d'appalto, se la realizzazione di un'opera arreca a terzi danni provocati da un vizio del progetto fornito dal committente, sussiste la corresponsabilità risarcitoria sia dell'appaltatore che del committente se, il primo, si sarebbe potuto avvedere del vizio progettuale e non l'abbia fatto, mentre il secondo è sempre obbligato al risarci ...

La Suprema Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 17554 del 21/08/2020, ha statuito che la perdita della capacità di procreare del genitore cagiona al figlio del danneggiato principale un danno non patrimoniale risarcibile, se vi siano elementi, anche presuntivi, sufficienti a far ritenere che tale legame sarebbe stato acquisito e che la sua mancanza abbia determinato un pregiudizio.

Ai sensi dell’ art. ...

Lunedì, 28 Settembre 2020 10:42

Inosservanza del principio di buona fede

Scritto da

La Suprema Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 10549 del 03/06/2020, ha statuito che l’inosservanza del dovere di buona fede nella esecuzione del contratto può integrare diretta violazione degli obblighi contrattualmente assunti e determinare un danno patrimoniale comprensivo sia del danno emergente che del lucro cessante.

La Cassazione, con la Sentenza n. 10549 del 03/06/2020, è inter ...

Pagina 1 di 3

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti