Lo Studio Legale Costanzo nel mese di Agosto, in corrispondenza con la sospensione feriale, resterà operativo per le questioni urgenti. E' possibile lasciare un messaggio WhatsApp al numero 3355357147 e sarete ricontattati. Buone Vacanze!
Lunedì, 07 Marzo 2022 17:08

La prova testimoniale: ammissibilità

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(5 Voti)

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 1742 del 20/01/2022, ha statuito che, nel concetto di patti aggiunti o contrari al contenuto del documento contrattuale, in relazione ai quali opera il divieto di ammissione della prova testimoniale di cui all'art. 2722 c.c., la prova testimoniale è ammissibile quando abbia ad oggetto elementi di mera integrazione e chiarificazione del contenuto della volontà negoziale.

La S.C., con Ordinanza n. 1742 del 20/01/2022, è tornata sulla delicata questione concernente l’ammissibilità o meno della prova testimoniale.

La prova testimoniale consiste nella raccolta sotto giuramento di dichiarazioni rese da soggetti che non sono parte del processo e che sono a conoscenza dei fatti di causa.

Vi sono, tuttavia, limitazioni all'assunzione delle prove testimoniali, ex artt. 2721 ss. c.c., che non attengono a ragioni di ordine pubblico, ma sono dettati nell'esclusivo interesse delle parti private per cui la loro violazione è causa di nullità a carattere relativo, le quali non essendo rilevabili d'ufficio restano sanate se non eccepite dalla parte interessata nella prima istanza o difesa successiva alla loro verificazione ex art. 157 c.p.c.

Tale principio viene derogato in tema di prova testimoniale dei contratti, soltanto nel caso in cui la scrittura sia imposta dalla legge a pena di nullità, cioè non per la prova ma per l'esistenza stessa del contratto.

Dubbi erano sorti circa l’ammissibilità della prova testimoniale in relazione ai patti aggiunti o contrari al contenuto del documento contrattuale.

La Suprema Corte di Cassazione, di recente, è tornata sul corrispondente tema, pronunciandosi su una questione che vedeva coinvolta la vendita di un immobile, contrattualmente individuato, nella sua localizzazione e struttura, in modo sufficientemente certo, ma non nella sua consistenza.

I Giudici di Piazza Cavour, con Ordinanza n. 1742 del 20/01/2022, hanno così enucleato il seguente principio di diritto: Nel concetto di patti aggiunti o contrari al contenuto del documento contrattuale, in relazione ai quali opera il divieto di ammissione della prova testimoniale di cui all'art. 2722 c.c., non rientrano quelle pattuizioni il cui contenuto od oggetto non risulti in alcun modo previsto dal contratto e che non possono, perciò, ritenersi comprese nel negozio consacrato nell'atto scritto, ma che non siano in contrasto con la volontà contrattuale precisamente e compiutamente espressa, così che la prova testimoniale deve ritenersi ammissibile quando essa non miri ad ampliare, modificare o alterare la disciplina obiettiva prevista nel contratto stipulato per iscritto ma abbia ad oggetto elementi di mera integrazione e chiarificazione del contenuto della volontà negoziale. Ne consegue che, in caso di vendita di un immobile, quando il bene sia stato contrattualmente individuato, nella sua localizzazione e struttura, in modo sufficientemente certo, ma non ne sia stata precisata la consistenza e siano da escludere sia la vendita a corpo che quella a misura oppure di specie, è ammissibile la prova testimoniale volta ad accertare l'intervenuta pattuizione circa la misura del bene e la sua entità.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che nel concetto di patti aggiunti o contrari al contenuto del documento contrattuale, in relazione ai quali opera il divieto di ammissione della prova testimoniale di cui all'art. 2722 c.c., la prova testimoniale è ammissibile quando abbia ad oggetto elementi di mera integrazione e chiarificazione del contenuto della volontà negoziale.

Letto 293 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Locazione di fondo rustico

Locazione di fondo rustico

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Malattia professionale e ambiente non salubre

Malattia professionale e ambiente non salubre

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4