Lo Studio Legale Costanzo nel mese di Agosto, in corrispondenza con la sospensione feriale, resterà operativo per le questioni urgenti. E' possibile lasciare un messaggio WhatsApp al numero 3355357147 e sarete ricontattati. Buone Vacanze!
Domenica, 21 Marzo 2021 09:58

Infortunio sul lavoro: onere di contestazione

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(4 Voti)
Scarpe da lavoro Scarpe da lavoro

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 2174 del 01/02/2021, ha statuito che l'onere di contestazione non sussiste per i fatti ignoti alla parte o allegati in sede extraprocessuale, ma soltanto per quelli noti e dedotti nel processo.

La S.C., con Ordinanza n. 2174 del 01/02/2021, è tornata sul tema dell’infortunio sul lavoro.

L'infortunio sul lavoro è l'evento traumatico, avvenuto per una causa violenta sul posto di lavoro o anche semplicemente in occasione di lavoro, che comporta l'impossibilità di svolgere l'attività lavorativa per più di tre giorni.

E’ prevista una specifica assicurazione obbligatoria per indennizzare i lavoratori che subiscono questi eventi e che copre anche gli infortuni che si verificano nel tragitto che il lavoratore compie per recarsi sul luogo di lavoro o per rientrare a casa (infortunio in itinere).

La denuncia/comunicazione di infortunio è l'adempimento al quale è tenuto il datore di lavoro nei confronti dell'Inail in caso di infortuni sul lavoro dei lavoratori dipendenti.

I Giudici di Piazza Cavour, di recente, sono tornati sul corrispondente tema, escludendo che l'Inail avesse l'obbligo di contestare i fatti posti alla base della domanda giudiziale di indennità temporanea da infortunio sul lavoro, perché il fatto costitutivo della prestazione trae origine dal rapporto di lavoro cui l'ente è estraneo, restando irrilevante, ai fini della non contestazione, quanto dedotto dal lavoratore in sede amministrativa con la denuncia d'infortunio.

Ordinanza n. 2174 del 01/02/2021

Gli Ermellini, pertanto, con Ordinanza n. 2174 del 01/02/2021, hanno così confermato il seguente principio di diritto: L'onere di contestazione, la cui inosservanza rende il fatto pacifico e non bisognoso di prova, sussiste soltanto per i fatti noti alla parte e dedotti nel processo, non anche per quelli ad essa ignoti o allegati in sede extraprocessuale, atteso che il principio di non contestazione trova fondamento nel fenomeno di circolarità degli oneri di allegazione, confutazione e prova, di cui agli artt. 414, nn. 4 e 5, e 416 c.p.c., che è tipico delle vicende processuali.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che l'onere di contestazione non sussiste per i fatti ignoti alla parte o allegati in sede extraprocessuale, ma soltanto per quelli noti e dedotti nel processo.

Letto 2989 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Locazione di fondo rustico

Locazione di fondo rustico

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Malattia professionale e ambiente non salubre

Malattia professionale e ambiente non salubre

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4