Domenica, 14 Marzo 2021 09:44

Il patto commissorio: come individuarlo tra negozi collegati, complessi o misti

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(4 Voti)

La Suprema Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 23553 del 27/10/2020, ha sancito che il patto commissorio è ravvisabile rispetto a più negozi tra loro collegati, qualora l'assetto di interessi complessivo sia tale da far ritenere che il trasferimento di un bene sia effettivamente volto, più che alla funzione di scambio, ad uno scopo di garanzia a prescindere dalla natura del contratto, dal momento temporale dell'effetto traslativo, dagli strumenti negoziali destinati alla sua attuazione e dalla identità dei soggetti che abbiano stipulato i negozi collegati, complessi o misti.

La Cassazione, con la Sentenza n. 23553 del 27/10/2020, è tornata sulla delicata questione relativa al controverso istituto del patto commissorio.

Il patto commissorio è il patto (autonomo o aggiunto ad un’altra garanzia tipica) con il quale creditore e debitore convengano che, in caso di mancato pagamento, la cosa data in pegno o in ipoteca passi in proprietà del creditore (ex art. 2744 c.c.).

Il patto commissorio è vietato in quanto con esso, in caso di inadempimento, il mutuatario si obbliga a trasferire al mutuante la proprietà dell’immobile acquistato con le somme date a mutuo, con spese a proprio carico oltre al risarcimento del maggior danno subito. In sostanza, nel patto commissorio il creditore diviene proprietario del bene del debitore inadempiente senza corrispondergli l’eventuale differenza tra il valore del bene e quello del debito.

La ratio del divieto del patto commissorio, invero, sta nella tutela del debitore da approfittamenti del creditore, circostanza che lo differenzia, ad esempio, dal patto marciano in cui il rischio di tali approfittamenti è nullo.

Stante la delicatezza e l’analogia con altre fattispecie, innumerevoli dubbi sono sorti circa i rapporti, le relazioni e le relative differenze.

Gli Ermellini, infatti, di recente sono tornati sul relativo tema decidendo su di un caso ove hanno confermato la sentenza impugnata che aveva ravvisato nei tre contratti - di compravendita, retrovendita e locazione - stipulati tra le parti ed aventi per oggetto tre complessi immobiliari turistici, un'unica operazione commerciale diretta a far conseguire alla parte ricorrente la proprietà dei cespiti ad un prezzo significativamente inferiore al loro valore.

Sentenza n. 23553 del 27/10/2020

I Giudici di Piazza Cavour, pertanto, con la Sentenza n. 23553 del 27/10/2020, hanno così enucleato il seguente principio di diritto:Il patto commissorio è ravvisabile rispetto a più negozi tra loro collegati, qualora l'assetto di interessi complessivo sia tale da far ritenere che il trasferimento di un bene sia effettivamente volto, più che alla funzione di scambio, ad uno scopo di garanzia a prescindere, sia dalla natura meramente obbligatoria o traslativa o reale del contratto, sia dal momento temporale in cui l'effetto traslativo è destinato a verificarsi, nonché dagli strumenti negoziali destinati alla sua attuazione e, persino, dalla identità dei soggetti che abbiano stipulato i negozi collegati, complessi o misti, sempre che tra le diverse pattuizioni sia ravvisabile un rapporto di interdipendenza e le stesse risultino funzionalmente preordinate allo scopo finale di garanzia”.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che integra un patto commissorio (ravvisabile rispetto a più negozi tra loro collegati), l'assetto di interessi complessivo tale da far ritenere che il trasferimento di un bene sia effettivamente volto ad uno scopo di garanzia a prescindere dalla natura del contratto, dal momento temporale dell'effetto traslativo, dagli strumenti negoziali destinati alla sua attuazione e dalla identità dei soggetti che abbiano stipulato i negozi collegati, complessi o misti.

Letto 1274 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Contratto preliminare di vendita: le ultime

Contratto preliminare di vendita: le ultime

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Separazione con addebito

Separazione con addebito

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Arricchimento senza causa

Arricchimento senza causa

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Il patto commissorio: le ultime dalla Cassazione.

Il patto commissorio: le ultime dalla Cassazione.

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5