Lo Studio Legale Costanzo nel mese di Agosto, in corrispondenza con la sospensione feriale, resterà operativo per le questioni urgenti. E' possibile lasciare un messaggio WhatsApp al numero 3355357147 e sarete ricontattati. Buone Vacanze!
Lunedì, 29 Ottobre 2018 16:51

In caso di nullità della cartella di pagamento, l’Agenzia delle Entrate – Riscossione risponde in solido con l’Ente creditore per le spese processuali

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(9 Voti)

In caso di soccombenza, l’Agenzia delle Entrate - Riscossione risponde delle spese di lite in solido con l’Ente titolare del credito, quando la lite sia stata determinata dalla notifica della cartella di pagamento

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 809 del 15 gennaio 2018, si è pronunciata su un delicato tema, ossia quello della solidarietà delle spese di lite tra Amministrazione ed Esattore.

Nello specifico, i Giudici di Piazza Cavour hanno affermato che: “Anche quando l'impugnazione sia riconducibile al vizio del credito presupposto, l'esattore deve rispondere delle spese processuali nei confronti dell'opponente vittorioso, in base al principio di causalità, che informa quello della soccombenza, perché comunque la lite trae origine dalla notificazione della cartella di pagamento, sebbene eseguita dall'esattore in esecuzione del rapporto che ha ad oggetto il servizio di riscossione e tenendo, peraltro, conto che l'esattore, proprio perché ha una generale legittimazione passiva nelle controversie aventi ad oggetto la riscossione delle somme di cui è incaricato, ai sensi dell'art. 39 D.lgs. n. 112/1999 deve rispondere dell'esito della lite pure con riguardo alle spese processuali.

Tale importante pronuncia trae origine dalla vicenda di un contribuente il quale proponeva ricorso avverso una sentenza emessa dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio; quest’ultima, infatti, provvedeva ad annullare una cartella di pagamento relativa ad un credito prescritto senza, però, riconoscere il pagamento delle spese di giudizio.

La corte di Cassazione ha evidenziato che le spese di lite vanno poste, in solido tra loro, a carico dell’Ente titolare del credito e dell’Ente di riscossione, che siano stati convenuti insieme dal contribuente, essendo entrambi soccombenti rispetto all’opponente, in base al principio di causalità.

Letto 2149 volte Ultima modifica il Lunedì, 29 Ottobre 2018 17:00

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Locazione di fondo rustico

Locazione di fondo rustico

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Malattia professionale e ambiente non salubre

Malattia professionale e ambiente non salubre

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4