Giovedì, 03 Giugno 2021 10:55

Immobile da costruire: quando si può applicare il Codice del consumo?

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(6 Voti)
Planimetria casa Planimetria casa

La Suprema Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 497 del 14/01/2021, ha stabilito che, anche in caso di immobile da costruire per il quale i contraenti abbiano richiamato la disciplina del d.lgs. n. 122 del 2005, si applica il Codice del Consumo in caso di promittente acquirente che agisce per scopi estranei all’esercizio d’impresa.

La Cassazione, con l’Ordinanza n. 497 del 14/01/2021, è tornata sulla pungente questione relativa alla qualifica di consumatore in caso di immobile da costruire.

La società contemporanea, in virtù di una globalizzazione sempre più diffusa e di un consumismo sempre più esasperato, si fonda sull’estesa crescita a livello planetario di spese volte all’acquisto di beni che soddisfano bisogni non solo “primari”, ma soprattutto “secondari”.

Protagonista indiscusso di tale società è il consumatore.

La relativa definizione ci viene data dall’art. 3, comma 1, lett a) del Codice del Consumo, in virtù della quale il consumatore è la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta; in caso contrario, è un professionista.

Le principali diatribe in materia concernono proprio i rapporti e la distinzione tra le figure del consumatore e del professionista, con conseguente applicazione, nei confronti del primo, della speciale normativa disciplinata dal D. Lgs. 206/2005 (Codice del Consumo) e, del secondo, di quella generale del codice civile.

Gli Ermellini sono tornati sul tema relativo la distinzione tra consumatore e professionista in caso di richiamo espresso ad altre discipline e, in particolare, a quello relativo al d.lgs. n. 122 del 2005.

I Giudici di Piazza Cavour, infatti, hanno ribadito il seguente principio di diritto: Gli artt. 33 e ss. del codice del consumo sono applicabili anche ad un contratto preliminare di compravendita di bene immobile, allorquando venga concluso tra un professionista, che stipuli nell'esercizio dell'attività imprenditoriale, o di un professionista intellettuale, ed altro soggetto, che contragga per esigenze estranee all'esercizio della propria attività imprenditoriale o professionale, non risultando decisivo, in senso contrario, che le parti abbiano espressamente richiamato in contratto la disciplina del d.lgs. n. 122 del 2005 in tema di tutela degli acquirenti di immobili da costruire, atteso che quest'ultima concorre, in presenza dei relativi presupposti applicativi, con le disposizioni a tutela del consumatore, almeno in difetto di un rapporto di reciproca incompatibilità o esclusione”.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che anche in caso di immobile da costruire per il quale i contraenti abbiano richiamato la disciplina del d.lgs. n. 122 del 2005, si applica il Codice del Consumo in caso di promittente acquirente che agisce per scopi estranei all’esercizio d’impresa.

Letto 1749 volte Ultima modifica il Giovedì, 03 Giugno 2021 11:01

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Principio del “più probabile che non”

Principio del “più probabile che non”

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Concorso di colpa

Concorso di colpa

La Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite, Leggi tutto
L’art. 2051 c.c.

L’art. 2051 c.c.

La Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite, Leggi tutto
Locazione e disdetta

Locazione e disdetta

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5