Venerdì, 11 Settembre 2020 16:25

Responsabilità del datore di lavoro

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(3 Voti)
Riunione di lavoro Riunione di lavoro

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. 15112 del 15/07/2020, ha statuito che integra responsbailità del datore di lavoro anche la mancata adozione di direttive inibitorie nei confronti del lavoratore.

La S.C., con Sentenza n. 15112 del 15/07/2020, è tornata sulla delicata questione concernente la sicurezza sul posto di lavoro e relativi obblighi del datore di lavoro.

In virtù dell’art. 2087 c.c. “L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”.

Ai sensi dell’art. 71 del D.LGS 81/08, rubricato Obblighi del datore di lavoro, il datore di lavoro deve mettere a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di cui al precedente art. 70, idonee ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle direttive comunitarie.

In virtù del comma 2, lett. C, del medesimo decreto legislativo, emanato in ambito della sicurezza del lavoro, all’atto della scelta delle attrezzature di lavoro, il datore di lavoro prende in considerazione i rischi derivanti dall’impiego delle attrezzature stesse e, ai sensi del comma 3, al fine di ridurre al minimo i rischi connessi all’uso delle attrezzature di lavoro e per impedire che dette attrezzature possano essere utilizzate per operazioni e secondo condizioni per le quali non sono adatte, adotta adeguate misure

tecniche ed organizzative.

Il datore di lavoro, dunque, deve adottare le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano installate ed utilizzate in conformità alle istruzioni d’uso e, inoltre, oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza di cui all’articolo 70 e siano corredate da apposite istruzioni d’uso e libretto di manutenzione.

Gli Ermellini, di recente, sono tornati sul corrispondente tema, cassando la decisione di merito ove il lavoratore aveva subito danni a seguito dell'impiego di una scala a pioli per movimentare pesi e non per l'innalzamento verso l'alto ed aveva escluso la responsabilità datoriale senza indagare se l'uso non conforme a quello ordinario potesse essere evitato con cautele più incisive, incluso il divieto di utilizzo.

I Giudici di Piazza Cavour, con Sentenza n. 15112 del 15/07/2020, hanno così enucleato il seguente principio di diritto: “La responsabilità dell'imprenditore ex art. 2087 c.c., pur non configurando un'ipotesi di responsabilità oggettiva, sorge non soltanto in caso di violazione di regole di esperienza o di regole tecniche già conosciute e preesistenti, ma sanziona anche la omessa predisposizione, da parte del datore di lavoro, di tutte le misure e cautele idonee a preservare l'integrità psico-fisica del lavoratore in relazione alla specifica situazione di pericolosità, inclusa la mancata adozione di direttive inibitorie nei confronti del lavoratore medesimo”.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che integra responsabilità del datore di lavoro anche la mancata adozione di direttive inibitorie nei confronti del lavoratore.

Letto 43 volte Ultima modifica il Mercoledì, 16 Settembre 2020 09:20

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti