Mercoledì, 22 Aprile 2020 09:07

Escluso l’indennizzo per la maggiore durata dei lavori all’appaltatore

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(2 Voti)
Edificio in costruzione Edificio in costruzione

La Suprema Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 5144 del 26/02/2020, ha escluso il diritto all’indennizzo per la maggiore durata dei lavori a favore dell’appaltatore se non adempie gli obblighi di verifica della validità tecnica del progetto del committente e di compimento degli accertamenti geologici sul terreno interessato.

La Cassazione, con l’Ordinanza n. 5144 del 26/02/2020, è tornata sulla delicata questione relativa alla responsabilità dell’appaltatore riguardo al progetto fornito dal committente.

L’appalto, ai sensi dell’art. 1655 c.c., è il contratto mediante il quale un soggetto, detto appaltatore, si obbliga nei confronti di un altro soggetto, detto committente, a compiere un’opera specifica o un servizio dietro corrispettivo in denaro, con propria organizzazione di mezzi e con gestione a proprio rischio.

Le principali diatribe in materia concernono proprio i rapporti e il riparto della responsabilità tra appaltatore e committente.

Gli Ermellini sono tornati sul tema relativo gli obblighi che fanno capo all’appaltatore in ossequio al progetto del committente, decidendo su di un caso ove il ricorrente (appaltatore contrapposto alla pubblica amministrazione con l’architetto da essa incaricato) impugnava la sentenza che escludeva il suo diritto all’indennizzo per la maggiore durata dei lavori e che riduceva in via equitativa nella misura del 20% il danno liquidato per illegittima sospensione dei lavori per anomalo e rallentato andamento dell’appalto.

I Giudici di Piazza Cavour hanno rigettato il relativo motivo del ricorso, ribadendo il seguente principio di diritto: Nell’appalto, sia pubblico che privato, rientra tra gli obblighi dell’appaltatore, senza necessità di una specifica pattuizione, il controllo della validità tecnica del progetto fornito dal committente, anche in relazione alle caratteristiche del suolo su cui l’opera deve sorgere, posto che dalla corretta progettazione, oltre che dall’esecuzione dell’opera, dipende il risultato promesso, sicché la scoperta in corso d'opera di peculiarità geologiche del terreno tali da impedire l’esecuzione dei lavori, non può essere invocata dall’appaltatore per esimersi dall’obbligo di accertare le caratteristiche idrogeologiche del terreno sul quale l’opera deve essere realizzata e per pretendere una dilazione o un indennizzo, essendo egli tenuto a sopportare i maggiori oneri derivanti dalla ulteriore durata dei lavori, restando la sua responsabilità esclusa solo se le condizioni geologiche non siano accertabili con l’ausilio di strumenti, conoscenze e procedure normali.”

Emerge, ergo, l’obbligo in capo all’appaltatore di verificare la validità tecnica del progetto del committente e di compiere i necessari accertamenti geologici sul terreno interessato.

Letto 2776 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Il danno arrecato dall'appaltatore a terzi

Il danno arrecato dall'appaltatore a terzi

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Risarcimento danni per diffamazione a mezzo della stampa

Risarcimento danni per diffamazione a mezzo della stampa

La Suprema Corte di Cassazione, con la Ordinanza Leggi tutto
Il danno da perdita di chance

Il danno da perdita di chance

Vi è inammissibilità della congiunta attribuzione di un Leggi tutto
Prescrizione: vendita semilavorati

Prescrizione: vendita semilavorati

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5