Giovedì, 30 Luglio 2020 16:24

Separazione: azione di rivendicazione se l’ex coniuge non restituisce i beni dell’altro

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(5 Voti)

In caso di separazione, l’ex coniuge che vuole riottenere il proprio bene che l’altro detiene sine titulo, potrà esperire l’azione di rivendicazione e, in caso di resistenza alla sentenza emessa a tal fine, potrà sporgere querela per appropiazione indebita.

L’azione di rivendicazione è l’azione mediante la quale il proprietario fa valere il proprio diritto di proprietà per recuperare il bene da altri illegittimamente posseduto o detenuto.

Disciplinata dall’articolo 948 c.c., rubricato “azione di rivendicazione”, essa ha carattere reale ed è fondata sul diritto di proprietà di un bene di cui l’attore assume di essere titolare, ma di non averne la materiale disponibilità ed è volta ad ottenere il riconoscimento del diritto di proprietà e a riaverne il possesso.

Nel caso di azione di rivendica, chi assume essere il titolare del bene e ne chiede la restituzione, deve dimostrare il proprio diritto di proprietà.

Le principali diatribe in materia li riscontriamo nei casi di separazione dei coniugi ove, spesso e volentieri, i beni dell’uno vengono detenuti sine titulo dall’altro.

Orbene, se il regime prescelto, al momento del matrimonio, è di separazione dei beni, ognuno avrà conservato la titolarità esclusiva dei beni, anche di quelli acquistati durante il matrimonio e, quindi, occorrerà agire con un’azione finalizzata alla restituzione dei beni mobili di proprietà, con la quale chiedere al Giudice di emettere una sentenza che condanni l’ex coniuge alla relativa restituzione.

Con la sentenza, avente efficacia di titolo esecutivo, si potrà quindi riavere il bene di proprietà e, in caso di resistenza a tale titolo, occorrerà eseguire la sentenza tramite ufficiale giudiziario, il quale dovrà accedere nel luogo in cui sono conservati gli oggetti, anche tramite l’utilizzo della forza pubblica, ed asportarli.

Se, invece, il regime prescelto è di comunione legale dei beni, allora occorrerà procedere, dapprima, con un’azione giudiziale di scioglimento della comunione, ove occorrerà chiedere, ex art. 195 c.c., la restituzione dei beni mobili che appartenevano prima della comunione, o che ha ricevuto durante la medesima per successione, o donazione (casi, per i quali, non opera la comunione legale dei beni).

La Suprema Corte di Cassazione, comunque, ha statuito che il rifiuto del coniuge separato di restituire all’altro i beni di esclusiva proprietà integra il reato di appropriazione indebita (Cass. penale, sez. II – Sentenza 28 settembre – 22 novembre 2018, n. 52598).

Letto 329 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5