Lunedì, 21 Novembre 2022 11:50

Concorrenza sleale e competenza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(3 Voti)
Concorrenza Concorrenza

La Suprema Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 21265 del 05/07/2022, ha statuito che la competenza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale, ricomprende anche le fattispecie di concorrenza sleale interferente con segni distintivi diversi dal marchio, a prescindere dall'eventuale conflitto fra i segni e il marchio.

La S.C., con l’Ordinanza n. 21265 del 05/07/2022, è tornata sulla peculiare figura della concorrenza sleale, in particolare su quella per agganciamento.

La concorrenza sleale consiste nel compimento di una serie di atti che provocano un danno ingiusto ad un’azienda oppure un errore di giudizio del consumatore, traendolo in inganno. Essa è disciplinata dall’art. 2598 c.c. e si distingue in:

  1. atti di confusione: uso di nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o atti di imitazione servile di prodotti di un concorrente, o atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l'attività di un concorrente;

  2. atti di denigrazione e di vanteria: gli atti denigratori sono volti a screditare e calunniare un’azienda concorrente;

  3. atti contrari alla correttezza professionale: dumping, storno di dipendenti, violazione del patto di non concorrenza, spionaggio industriale, tacere un conflitto di interessi.

Per quanto concerne la peculiare fattispecie per c.d. agganciamento, consiste nell’uso indebito delle fotografie di prodotti dell’azienda concorrente costituisce un caso di concorrenza sleale previsto dalla chiamata previsione normativa che vieta gli atti di concorrenza sleale tipici (atti confusori, denigrazione e appropriazione di pregi) e atipici (atti contrari ai princìpi della correttezza professionale e idonei a danneggiare l’altrui azienda), a fronte dei quali si può agire in giudizio sia in sede inibitoria che risarcitoria.

Tale condotta, consistente nell’appropriazione di pregi del concorrente e in un indebito vantaggio competitivo, viene definita come concorrenza sleale per agganciamento, che comporta lo sfruttamento della visibilità sul mercato che ha l’impresa concorrente e più affermata. Si tratta quindi di un atto di concorrenza sleale, idoneo a creare confusione tra prodotti concorrenti, di tipo parassitario, consistente in un indebito arricchimento e in un correlativo danno patrimoniale.

Gli atti di concorrenza sleale atipici costituiscono una serie aperta e in continua evoluzione, così come il criterio di correttezza professionale come regola comportamentale di base.

Tra gli atti più comuni riscontriamo quelli di concorrenza parassitaria, manifestati in atti ulteriori rispetto alla tipica appropriazione di pregi (si pensi, ad esmepio, all’ imitazione delle iniziative pubblicitarie del concorrente, delle sue immagini su Internet e dei suoi prodotti).

Avverso tale concorrenza sleale vige la possibilità di ottenere tutela inibitoria, mediante la concessione dei provvedimenti d’urgenza (ex art. 700 c.p.c. ss.) previsti dal codice di procedura civile.

Gli atti di appropriazione di pregi si distinguono dagli atti di confusione, in quanto l'illecito sviamento della clientela da essi causato si realizza non a seguito della confusione di identità tra prodotti od attività di imprese distinte, bensì esclusivamente ingenerando nel pubblico la convinzione che un prodotto od un'impresa abbiano le stesse qualità e pregi di quella concorrente.

I Giudici di Piazza Cavour, con l’Ordinanza n. 21265 del 05/07/2022, di recente sono tornati sul corrispondente tema in relazione alla competenza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale, enucleando il seguente principio di diritto: La competenza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale, cui sono riservate, ai sensi dell'art. 134, comma 1, lett. a), del d.lgs. n. 30 del 2005 (codice della proprietà industriale), ricomprende anche le fattispecie di concorrenza sleale interferente con segni distintivi diversi dal marchio, a prescindere dall'eventuale conflitto fra i segni e il marchio.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che la competenza delle sezioni specializzate in materia di proprietà industriale, ricomprende anche le fattispecie di concorrenza sleale interferente con segni distintivi diversi dal marchio, a prescindere dall'eventuale conflitto fra i segni e il marchio.

Letto 312 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli