Lunedì, 13 Luglio 2020 08:34

Il datore di lavoro può ricorrere all’investigatore privato per verificare la veridicità della malattia del proprio dipendente

Scritto da Avv. Giulio Costanzo
Vota questo articolo
(5 Voti)
Investigatore privato Investigatore privato Astratto vettore creata da macrovector - it.freepik.com

La Suprema Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 11697/2020, ha statuito che il datore di lavoro, in caso di dubbi circa la veridicità della malattia del proprio dipendente, è legittimato ad ingaggiare un investigatore privato.

La Cassazione, con l’Ordinanza n. 11697/2020, è intervenuta sulla delicata questione concernente il licenziamento per giusta causa.

Il recesso per giusta causa, ex art. 2119 c.c., implica l’avveramento di un fatto di gravità tale da porre in crisi il rapporto fiduciario tra il datore di lavoro e il prestatore.

È possibile il licenziamento per giusta causa non solo in presenza di condotte dolose del dipendente, ma anche in presenza di un comportamento colposo, in quanto, stante le sue caratteristiche, può determinare una lesione del rapporto di fiducia così grave ed irrimediabile da non consentire l’ulteriore prosecuzione del rapporto di lavoro.

Molteplici sono i giudizi in tema di licenziamento portati dinanzi al Giudice del Lavoro, in particolare, per quanto concerne la giustezza e legittimità dello stesso, nonché le modalità adottate per legittimare tale provvedimento.

La Suprema Corte di Cassazione, di recente, è intervenuta sul relativo tema respingendo il ricorso di un dipendente nei confronti del datore che aveva ingaggiato contro di lui un investigatore privato per scoprire la veridicità della malattia.

Ordinanza n. 11697/2020

I Giudici di Piazza Cavour, con l’Ordinanza n. 11697/2020, rigettando il relativo ricorso, hanno così enunciato il seguente principio di diritto: “va rilevato che congrua deve ritenersi la sussunzione della fattispecie e rispettosa del disposto di cui agli artt. 2, 3 e 4 L n. 300/70 essendo legittimo servirsi delle agenzie investigative per verificare l'esatto adempimento delle obbligazioni facenti capo al dipendente con riguardo a comportamenti tenuti al di fuori dell'ambito lavorativo disciplinarmente rilevanti (ex plurimis, Cass. n. 12810 del 22 maggio 2017); - a guardar bene, infatti, non si verte in ipotesi di controllo datoriale circa l'esecuzione della prestazione ma, invece, di verifica e controllo di un comportamento extralavorativo illecito, fondata sul sospetto del mancato svolgimento illegittimo dell'attività lavorativa per l'insussistenza della incapacità lavorativa nel caso di specie invece presente”.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che il datore di lavoro, in caso di dubbi circa la veridicità della malattia del proprio dipendente, è legittimato ad ingaggiare un investigatore privato.

Letto 308 volte Ultima modifica il Lunedì, 13 Luglio 2020 08:43

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti