Lo Studio Legale Costanzo nel mese di Agosto, in corrispondenza con la sospensione feriale, resterà operativo per le questioni urgenti. E' possibile lasciare un messaggio WhatsApp al numero 3355357147 e sarete ricontattati. Buone Vacanze!
Mercoledì, 07 Novembre 2018 08:00

Trasferimento di sede senza interessi

Scritto da
Vota questo articolo
(7 Voti)
Sede societaria Sede societaria

Trasferimento sede societaria per scopo fraudolento. Società che traferisce la sede all’estero prima di dichiarare fallimento, è ancora competenza della giurisdizione italiana?

La prima sezione civile della ecc.ma Corte di legittimità con sentenza n. 7470 del 23/03/2017 esamina un caso riguardante la sussistenza della giurisdizione italiana per il fallimento delle società italiane che prima della dichiarazione del fallimento abbiano trasferito la propria sede all’estero.

Il Tribunale di Napoli aveva dichiarato il fallimento della ALFA SRL con sede a Casoria e successivamente in Gran Bretagna, il giudice di primo grado ha ritenuto che sussisteva la competenza del giurisdizione italiana in quanto il trasferimento della società aveva natura completamente fittizia. La ALFA SRL non aveva, infatti, dimostrato che stava svolgendo un’attività produttiva o dimostrando la natura imprenditoriale del trasferimento, pertanto quest’ultima aveva natura meramente fraudolenta.

Contro tale pronuncia la ALFA SRL ha proposto ricorso per cassazione, essendo state prospettate censure riguardanti il difetto di giurisdizione del giudice italiano.

Gli ermellini hanno respinto le richieste inoltrate dalla società asserendo che nel caso in cui una società abbia trasferito, anteriormente all’apertura della procedura di insolvenza, la propria sede all’estero, è legittimamente dichiarata la giurisdizione del giudice italiano in ordine alla dichiarazione di fallimento della stessa ove il giudice di merito abbia accertato la presenza di indici probatori riscontrabili, principalmente, nella discontinuità dell’attività svolta successivamente al trasferimento, nella circostanza che l’organo amministrativo sia cittadino italiano e senza significativi collegamenti con lo Stato straniero ovvero nella fittizietà del trasferimento del centro dell’attività direttiva, amministrativa ed organizzativa dell’impresa, idonei a vincere la presunzione “ juris tantum” di corrispondenza tra la sede legale e la sede effettiva, prevista dall’ art. 3 del regolamento CE n. 1346 del 2000. Secondo esso, la competenza ad aprire la procedura di insolvenza spetta al giudice dello Stato membro nel cui territorio è situato il centro degli interessi principali del debitore, da individuare fino a prova contraria, in caso di società, in quello del luogo in cui si trova la sede statutaria.

Letto 601 volte Ultima modifica il Lunedì, 05 Novembre 2018 14:26
Giulio Costanzo

Avv. Patrocinante Magistrature Superiori

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti

Ultimi articoli

Locazione di fondo rustico

Locazione di fondo rustico

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

Indegnità di succedere in rapporto ai reati commessi

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Malattia professionale e ambiente non salubre

Malattia professionale e ambiente non salubre

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. Leggi tutto
Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

Locazione, riscatto e diritto di prelazione del conduttore.

La Suprema Corte di Cassazione, con Sentenza n. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4